Doll Therapy a Piloni

31 Gennaio 2022

Gli studi sulla terapia della bambola come cura per la demenza e l’Alzheimer si ispirano alla teoria dell'attaccamento formulata negli anni '60 dallo psicologo John Bowlby. Bowlby si occupava di psicologia infantile e aveva teorizzato che la ricerca di costante contatto reciproco da parte del bambino e del genitore fosse la conseguenza di un istinto primordiale.

Questo desiderio, tendente ad evolversi in una forma di accadimento dell'altro, può anche avvalersi di un oggetto transizionale grazie al quale l'interazione con gli altri può essere intensificata. Da questa teoria prendono avvio tutti gli studi inerenti alla terapia della bambola.

L'anziana/o utilizza la bambola come oggetto simbolico per creare una relazione con altri soggetti e riesce a riversare parte del naturale desiderio di accudimento e scambio affettivo sul giocattolo che diviene un essere vivente dotato di esigenze concrete, ma soprattutto emotive.

Uno dei primi benefici che si possono trarre dalla della terapia della bambola è una riduzione degli accessi di ira e degli stati d'ansia. Concentrare l'attenzione sulla bambola e avere nei suoi confronti degli atteggiamenti di dolcezza e affetto sono fattori che aiutano l’anziano malato a rilassarsi e hanno ripercussioni positive anche sull'alternanza sonno-veglia, limitando l'insonnia.

Sede legale: Via Francesco Ferrucci 11, 58100 Grosseto (GR)
Tel: 392 9098013
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PIVA. 00817250533

All rights reserved © 2020 AGAPE Coop. Sociale di tipo A.

Credits: Studio2web